FUTSALVENETO ANCHE SU
 
   
Google Search
 
   


Menù
 
   
  Regolamento del sito
  FAQ (domande frequenti)
  Come Registrarsi
  Home Page
  Forum
  Info Personali
  Gioca la schedina
  Gestione squadra
  Stagione 2017-2018
  Stagioni Precedenti
  Regole Calcio a 5
  News
  Come postare le news
  Inviaci una News
  Links
  Contatti
  Segnala il sito
  Privacy
  L’ANGOLO DEL C.R.V.
  LA TRU-BRICA
  ANGOLO DI CECCHIGOL
  FACEBOOK
Disclaimer
 
   
La pubblicazione di contenuto di qualsiasi tipo, letterale o altro, da parte di utente in qualsivoglia area accessibile del sito non implica alcuna adesione dello Staff di Futsalveneto a tale contenuto, né la condivisione della responsabilità, che resta individuale ed esclusivamente a capo dell'utente.

ATTENZIONE:
L'IP dell'utente che posta nel forum viene registrato insieme al messaggio e puo' essere fornito su richiesta dell'autorita' giudiziaria al fine di individuare gli autori di messaggi offensivi, diffamatori o illegali in genere. In casi normali l'IP non viene reso pubblico.
 
futsalveneto :: Leggi argomento - CICLISMO. DOPING. E POI LA MORTE. ECCONE UN ALTRO.MORTO.
 FAQFAQ   CercaCerca   GruppiGruppi   ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

CICLISMO. DOPING. E POI LA MORTE. ECCONE UN ALTRO.MORTO.

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Non solo calcio a 5
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
COBOLLI_GIGLI
Ultras
Ultras


Registrato: Jul 26, 2006
Messaggi: 1150

MessaggioInviato: Ven 28 Mar 2008 @ 11:39    Oggetto: CICLISMO. DOPING. E POI LA MORTE. ECCONE UN ALTRO.MORTO. Rispondi citando

28/03/08
Fois trovato morto in casa
L'ex ciclista sarebbe stato stroncato da un malore nella casa di Villa d'Alme, dove viveva con la madre. Nel '98 scontò un anno di squalifica per doping



LEGGETE L'AGGHIACCIANTE INTERVISTA DEL SETTEMBRE SCORSO
Shocked

BERGAMO, 14 settembre 2007 - "E’ anche per colpa del ciclismo se sono ridotto così, ma senza ciclismo non so stare". Valentino Fois è seduto al tavolino di un bar nel centro di Bergamo. Pochi metri più in là c’è la redazione locale del "Giorno" nella quale lunedì sera l’ex corridore bergamasco si è introdotto per rubare due vecchi computer portatili. Una bravata che gli è costata una condanna a 100 giorni di reclusione, tramutati in una pena pecuniaria di 4 mila euro. Valentino era un talento e come tanti talenti si è fatto tentare dal diavolo doping, finendo poi schiacciato dagli "effetti collaterali". A vederlo ora, sembra il Fois di una decina di anni fa. Forse un po’ smagrito, ma elegantissimo. Giacca e cravatta, pantalone gessato, la faccia bella da sciupafemmine. Ma basta guardargli il sorriso forzato, gli occhi velati di tristezza, per capire che dentro quel vestito firmato c’è un ragazzo di quasi 34 anni che lotta con una sofferenza che lo sta devastando.
Fois, partiamo dalla brutta storia del tentato furto.
"Lunedì sono tornato a bere dopo tanto tempo e il cocktail con gli ansiolitici mi ha mandato in confusione. Sono entrato nell’ufficio, mi sono nascosto in bagno, poi ho cercato di scappare con i computer. E’ stata una cazzata, ma non ho fatto un’ora di carcere e ho trovato un giudice comprensivo".
Lei è malato?
"Ho problemi di depressione e ansia, sono in cura in un centro tossicologico di Parma".
Da che cosa sono originati i suoi problemi?
"Dalla squalifica di tre anni per doping presa nel 2002, quando correvo nella Mercatone Uno con Pantani".
Nel ’98 era già stato fermato per un anno per essere stato trovato positivo al Giro di Svizzera e al Giro di Polonia. Che sostanze prendeva?
"Prendevo, anzi, mi davano il DHEA, che serve a stimolare la produzione di testosterone endogeno. Eppoi... E’ inutile fare l’elenco. Prendevo quello che prendevano tutti. E se qualcuno nega, è bugiardo. Dovevamo scendere a compromessi".
Eppure non ne aveva bisogno. E’ diventato professionista nel ’96 ed era considerato un ottimo scalatore.
"Avevo appena vinto il tricolore dilettanti e dominato il Giro della Valle d’Aosta. Avevo fatto grandi cose anche nella Mtb. Sono arrivato al professionismo pulito. Pulitissimo. Vincevo perché ero forte. Ero, e mi sentivo, il numero uno al mondo".
Allora perché ha ceduto alla tentazione del doping?
"Il mondo del ciclismo, fino allo scandalo Festina del ’98, era una schifezza. Gestivano tutto medici e direttori sportivi. Poi le cose sono un po’ migliorate, ma non metterei la mano sul fuoco su alcun corridore di oggi. Chi vince, una settimana dopo è già nella polvere".
C’è qualcuno del ciclismo che l’ha aiutata?
"Soltanto uno. E’ un mondo falso e ipocrita. No, preferisco restare con i miei problemi piuttosto che avere a che fare con persone finte. Ho la mia famiglia e un amico vero, Pavel Tonkov, vincitore del Giro d’Italia ’96. Abito da lui a Madrid per sei mesi l’anno, fa il procuratore e forse mi aiuterà a tornare a correre. Altrimenti lavorerò nell’albergo che aprirà a Cordoba".
E lei vorrebbe tornare in quel ciclismo che considera causa dei suoi problemi?
"Non ho mai smesso di allenarmi, 3-4 ore ogni giorno. Durante la squalifica ho partecipato anche ad alcune Granfondo, vincendone 14 su 16, poi mi hanno fatto sentire indesiderato anche lì. Mi mancano le corse".
Ha preso altre droghe?
"Ho provato la cocaina. Ma non sono tossicodipendente. Sono soltanto un ragazzo debole".
Attualmente che cosa fa?
"Non lavoro. Ma studio: filosofia, psicologia, so tutto delle religioni orientali".
Li sa i pettegolezzi che girano sul suo conto?
"Che sono stato l’amante di Inzaghi, che rifornivo di coca Vieri. Balle. Conoscevo Pippo e Bobo perché giocavano nell’Atalanta e frequentavamo gli stessi locali. Stop. Non li vedo né sento da anni".
Non ha paura di fare la stessa fine di Pantani?
"Ho vissuto da vicino il dramma di Marco e posso dire di non aver mai raggiunto il suo livello di disperazione".
A un ragazzino che comincia a correre che consigli darebbe?
"Di ragionare con la propria testa, senza farsi travolgere dal sistema. Io mi rimprovero di non aver dato il meglio nel mio lavoro, mi piacerebbe poter recuperare".
_________________
www.myspace.com/pieropan
Top
Profilo Invia messaggio privato
riverplate
Tifoso accanito
Tifoso accanito


Registrato: Nov 14, 2007
Messaggi: 851
Residenza: ....boh......

MessaggioInviato: Ven 28 Mar 2008 @ 13:51    Oggetto: Rispondi citando

Frase:Ho provato la cocaina. Ma non sono tossicodipendente. Sono soltanto un ragazzo debole".


Lo stesso di quanto successo a Pantani!!!!!!!!!!!!!
Il ciclismo ti da molto ma ti toglie allo stesso modo... Crying or Very sad
Si sta presto a passare dai successi al dimenticatoio...........

Povero Fois!!!!!!!!!!
Top
Profilo Invia messaggio privato
valcavasia
Tifoso accanito
Tifoso accanito


Registrato: Sep 20, 2007
Messaggi: 836

MessaggioInviato: Ven 28 Mar 2008 @ 14:11    Oggetto: Re: CICLISMO. DOPING. E POI LA MORTE. ECCONE UN ALTRO.MORTO. Rispondi citando

COBOLLI_GIGLI ha scritto:
28/03/08
Fois trovato morto in casa
L'ex ciclista sarebbe stato stroncato da un malore nella casa di Villa d'Alme, dove viveva con la madre. Nel '98 scontò un anno di squalifica per doping



LEGGETE L'AGGHIACCIANTE INTERVISTA DEL SETTEMBRE SCORSO
Shocked

BERGAMO, 14 settembre 2007 - "E’ anche per colpa del ciclismo se sono ridotto così, ma senza ciclismo non so stare". Valentino Fois è seduto al tavolino di un bar nel centro di Bergamo. Pochi metri più in là c’è la redazione locale del "Giorno" nella quale lunedì sera l’ex corridore bergamasco si è introdotto per rubare due vecchi computer portatili. Una bravata che gli è costata una condanna a 100 giorni di reclusione, tramutati in una pena pecuniaria di 4 mila euro. Valentino era un talento e come tanti talenti si è fatto tentare dal diavolo doping, finendo poi schiacciato dagli "effetti collaterali". A vederlo ora, sembra il Fois di una decina di anni fa. Forse un po’ smagrito, ma elegantissimo. Giacca e cravatta, pantalone gessato, la faccia bella da sciupafemmine. Ma basta guardargli il sorriso forzato, gli occhi velati di tristezza, per capire che dentro quel vestito firmato c’è un ragazzo di quasi 34 anni che lotta con una sofferenza che lo sta devastando.
Fois, partiamo dalla brutta storia del tentato furto.
"Lunedì sono tornato a bere dopo tanto tempo e il cocktail con gli ansiolitici mi ha mandato in confusione. Sono entrato nell’ufficio, mi sono nascosto in bagno, poi ho cercato di scappare con i computer. E’ stata una cazzata, ma non ho fatto un’ora di carcere e ho trovato un giudice comprensivo".
Lei è malato?
"Ho problemi di depressione e ansia, sono in cura in un centro tossicologico di Parma".
Da che cosa sono originati i suoi problemi?
"Dalla squalifica di tre anni per doping presa nel 2002, quando correvo nella Mercatone Uno con Pantani".
Nel ’98 era già stato fermato per un anno per essere stato trovato positivo al Giro di Svizzera e al Giro di Polonia. Che sostanze prendeva?
"Prendevo, anzi, mi davano il DHEA, che serve a stimolare la produzione di testosterone endogeno. Eppoi... E’ inutile fare l’elenco. Prendevo quello che prendevano tutti. E se qualcuno nega, è bugiardo. Dovevamo scendere a compromessi".
Eppure non ne aveva bisogno. E’ diventato professionista nel ’96 ed era considerato un ottimo scalatore.
"Avevo appena vinto il tricolore dilettanti e dominato il Giro della Valle d’Aosta. Avevo fatto grandi cose anche nella Mtb. Sono arrivato al professionismo pulito. Pulitissimo. Vincevo perché ero forte. Ero, e mi sentivo, il numero uno al mondo".
Allora perché ha ceduto alla tentazione del doping?
"Il mondo del ciclismo, fino allo scandalo Festina del ’98, era una schifezza. Gestivano tutto medici e direttori sportivi. Poi le cose sono un po’ migliorate, ma non metterei la mano sul fuoco su alcun corridore di oggi. Chi vince, una settimana dopo è già nella polvere".
C’è qualcuno del ciclismo che l’ha aiutata?
"Soltanto uno. E’ un mondo falso e ipocrita. No, preferisco restare con i miei problemi piuttosto che avere a che fare con persone finte. Ho la mia famiglia e un amico vero, Pavel Tonkov, vincitore del Giro d’Italia ’96. Abito da lui a Madrid per sei mesi l’anno, fa il procuratore e forse mi aiuterà a tornare a correre. Altrimenti lavorerò nell’albergo che aprirà a Cordoba".
E lei vorrebbe tornare in quel ciclismo che considera causa dei suoi problemi?
"Non ho mai smesso di allenarmi, 3-4 ore ogni giorno. Durante la squalifica ho partecipato anche ad alcune Granfondo, vincendone 14 su 16, poi mi hanno fatto sentire indesiderato anche lì. Mi mancano le corse".
Ha preso altre droghe?
"Ho provato la cocaina. Ma non sono tossicodipendente. Sono soltanto un ragazzo debole".
Attualmente che cosa fa?
"Non lavoro. Ma studio: filosofia, psicologia, so tutto delle religioni orientali".
Li sa i pettegolezzi che girano sul suo conto?
"Che sono stato l’amante di Inzaghi, che rifornivo di coca Vieri. Balle. Conoscevo Pippo e Bobo perché giocavano nell’Atalanta e frequentavamo gli stessi locali. Stop. Non li vedo né sento da anni".
Non ha paura di fare la stessa fine di Pantani?
"Ho vissuto da vicino il dramma di Marco e posso dire di non aver mai raggiunto il suo livello di disperazione".
A un ragazzino che comincia a correre che consigli darebbe?
"Di ragionare con la propria testa, senza farsi travolgere dal sistema. Io mi rimprovero di non aver dato il meglio nel mio lavoro, mi piacerebbe poter recuperare".


Non ha paura di fare la stessa fine di Pantani?
"Ho vissuto da vicino il dramma di Marco e posso dire di non aver mai raggiunto il suo livello di disperazione".
Purtroppo lo ha raggiunto...un saluto Valentino, che lassu' tu possa essere in serenità con te stesso insieme al grande Pantani.
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
COBOLLI_GIGLI
Ultras
Ultras


Registrato: Jul 26, 2006
Messaggi: 1150

MessaggioInviato: Ven 28 Mar 2008 @ 15:27    Oggetto: Rispondi citando

ciclismo sempre sotto l'occhio del mirino.

e gli altri sport?
_________________
www.myspace.com/pieropan
Top
Profilo Invia messaggio privato
saudade
Ultras
Ultras


Registrato: Sep 24, 2004
Messaggi: 1048

MessaggioInviato: Ven 28 Mar 2008 @ 15:47    Oggetto: Rispondi citando

La Debolezza dell'Essere Umano si misura giorno dopo giorno, e quando accadono queste cose tutti a domandarci: PERCHE' ?

Salvo poi, all'indomani, crocifiggere i nostri Campioni, allorquando non vincono più.
E cominciamo allora a dire che sono dei viziati strapagati, abbandonandoli, come mai faremmo nemmeno con il nostro cane "Fido", in "mezzo all'autostrada della Vita", incustoditi e inermi.

Cominciamo a cambiare noi stessi, e pratichiamo finalmente lo sport
" così solo per sport", come si dice nelle gare tra scapoli e ammogliati.

Così anche quel mondo di bassa lega costituito da procuratori, giornalisti, opinionisti, ed altre sanguisughe di vario genere, che non riesce a vivere di sentimenti ma solo di interessi, andrà finalmente a "caricare" qualche betoniera e a guadagnarsi il pane col sudore della fronte, così come promessoci da un personaggio importante, al momento della perdita dell'Eden.


Ciao Valentino. Buon Viaggio e salutami tanto "il Pirata"
Top
Profilo Invia messaggio privato
Silent
Amministratore
Amministratore


Registrato: Set 01, 2004
Messaggi: 54041
Residenza: Futsal

MessaggioInviato: Ven 28 Mar 2008 @ 16:08    Oggetto: Rispondi citando

Erano amici... quando ho visto l'intervista delle iene mi si è gelato il sangue!
_________________
MAS
Top
Profilo Invia messaggio privato
fossile
Moderatore
Moderatore


Registrato: Oct 08, 2004
Messaggi: 38345

MessaggioInviato: Ven 28 Mar 2008 @ 16:34    Oggetto: Rispondi citando

saudade ha scritto:
La Debolezza dell'Essere Umano si misura giorno dopo giorno, e quando accadono queste cose tutti a domandarci: PERCHE' ?

Salvo poi, all'indomani, crocifiggere i nostri Campioni, allorquando non vincono più.
E cominciamo allora a dire che sono dei viziati strapagati, abbandonandoli, come mai faremmo nemmeno con il nostro cane "Fido", in "mezzo all'autostrada della Vita", incustoditi e inermi.

Cominciamo a cambiare noi stessi, e pratichiamo finalmente lo sport
" così solo per sport", come si dice nelle gare tra scapoli e ammogliati.

Così anche quel mondo di bassa lega costituito da procuratori, giornalisti, opinionisti, ed altre sanguisughe di vario genere, che non riesce a vivere di sentimenti ma solo di interessi, andrà finalmente a "caricare" qualche betoniera e a guadagnarsi il pane col sudore della fronte, così come promessoci da un personaggio importante, al momento della perdita dell'Eden.


Ciao Valentino. Buon Viaggio e salutami tanto "il Pirata"


come mi capita spesso, non posso far altro che condividere quanto hai scritto...persino le virgole Wink
_________________
Preoccupati più della tua coscienza che della reputazione.
Perché la tua coscienza è quello che tu sei, la tua reputazione è ciò che gli altri pensano di te. E quello che gli altri pensano di te è problema loro.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Portiere
Invasore di campo
Invasore di campo


Registrato: Oct 22, 2005
Messaggi: 7987
Residenza: "Meglio un giorno da leone, che cento anni da pecora"

MessaggioInviato: Ven 28 Mar 2008 @ 17:40    Oggetto: Rispondi citando

saudade ha scritto:
La Debolezza dell'Essere Umano si misura giorno dopo giorno, e quando accadono queste cose tutti a domandarci: PERCHE' ?

Salvo poi, all'indomani, crocifiggere i nostri Campioni, allorquando non vincono più.
E cominciamo allora a dire che sono dei viziati strapagati, abbandonandoli, come mai faremmo nemmeno con il nostro cane "Fido", in "mezzo all'autostrada della Vita", incustoditi e inermi.

Cominciamo a cambiare noi stessi, e pratichiamo finalmente lo sport
" così solo per sport", come si dice nelle gare tra scapoli e ammogliati.

Così anche quel mondo di bassa lega costituito da procuratori, giornalisti, opinionisti, ed altre sanguisughe di vario genere, che non riesce a vivere di sentimenti ma solo di interessi, andrà finalmente a "caricare" qualche betoniera e a guadagnarsi il pane col sudore della fronte, così come promessoci da un personaggio importante, al momento della perdita dell'Eden.


Ciao Valentino. Buon Viaggio e salutami tanto "il Pirata"


Perchè non sono viziati e strapagati???
E' morto un giovane.... questà è l'unica cosa che può dispiacere...
_________________
METTETECI DIO SUL BANCO DEGLI IMPUTATI....GIUDICATE ANCHE LUI....
Il tuo fa più bolle del mio..... cambiamo....
04/07/2011 CONFERMATA L'ONESTA'.
Top
Profilo Invia messaggio privato
milano_siamo_noi
Super tifoso
Super tifoso


Registrato: Jun 21, 2007
Messaggi: 479
Residenza: San Siro

MessaggioInviato: Lun 31 Mar 2008 @ 11:46    Oggetto: Rispondi citando

La morte non ha ne padri ne figli e quando colpisce e' sempre una tragedia.
_________________
www.futsaleste.it
Top
Profilo Invia messaggio privato
valcavasia
Tifoso accanito
Tifoso accanito


Registrato: Sep 20, 2007
Messaggi: 836

MessaggioInviato: Lun 31 Mar 2008 @ 15:37    Oggetto: Rispondi citando

milano_siamo_noi ha scritto:
La morte non ha ne padri ne figli e quando colpisce e' sempre una tragedia.


complimenti, bella frase...è l'epilogo del forum...
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Non solo calcio a 5 Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi

Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
Forums ©
     
Il sito si occupa di calcio a 5. Oltre al Forum dove gli utenti possono scambiare idee ed opinioni all'interno del sito potete trovare calendari, classifiche, rose, marcatori di tutti i campionati regionale FIGC del veneto. Dalla serie D alla C1, dai Giovanissimi all'Under 21. Tutto quello che cercate sul calcio a 5 veneto lo trovate qua.
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2002 by me
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license. spam free